2600 anni raccontati da Rai Storia

Ieri sera, alle 21, Agrigento, la sua storia di 2600 anni, il suo inestimabile patrimonio culturale sono stati brillantemente raccontati in ‘Storia delle nostre città’, prodotto da Rai Storia e Ballandi Arts.

La troupe è stata in città a fine luglio per alcuni giorni e, dopo la Valle dei Templi, anche nel centro storico.

Le riprese sono state realizzate in collaborazione con il Distretto Turistico Valle dei Templi, e in modo particolare con la sua Film Commission, e con il Comune di Agrigento.

La collaborazione del Distretto Turistico con la produzione è stato solo uno dei frutti delle strategie di comunicazione che stiamo mettendo in atto per rilanciare il turismo, pesantemente colpito dagli effetti della pandemia.

Sono certo che la motivazione a intraprendere il viaggio sarà rafforzata da questa, come da altre azioni strategiche – afferma l’amministratore del Distretto Turistico Valle dei Templi, Fabrizio La Gaipa – accompagnate dall’appeal per la nostra enogastronomia, per la qualità della nostra ospitalità, per i percorsi esperienziali e il paesaggio.

Un turismo slow che è quello che da sempre siamo in grado di offrire. Speriamo possa proprio in questi mesi essere ancor più apprezzato da visitatori più propensi del passato ad assaporare la propria vacanza con calma, senza perdersi il piacere di vivere in uno degli angoli più belli della Sicilia.


Agrigento è stata presentata come un gioiello, incastonato tra vallate, colline, imponenti monumenti e templi, una città dell’eterna bellezza e di un fascino millenario immutato nel tempo.

Abbiamo visto scorrerre le immagini di templi dorici, agorà, necropoli, ipogei.

Inoltre una importante parte è stata dedicata al centro storico, la cinta muraria, le chiese, i monasteri, i conventi, i palazzi, la cattedrale, e ai personaggi illustri, tra cui Empedocle e i grandi scrittori Pirandello, Sciascia e Camilleri, autori dell’impareggiabile Strada degli Scrittori.

L’intera puntata può essere rivista su RaiPlay a questo LINK

Condividi:

Lascia un commento