Posta al culmine di una scenografica scalinata posta sul ciglio di una rupe, la Cattedrale fu fondata nell’XI secolo dal vescovo Gerlando e ingrandita nel XIV.


Ha impianto basilicale a croce latina e a tre navate, con archi gravanti su pilastri poligonali, e tre absidi sul lato est. Nella prima navata si trova l’urna d’argento che conserva le ossa di San Gerlando.


Nata nel grande solco della tradizione normanna, è una testimonianza di espressioni artistiche diverse, frutto dei numerosi rimaneggiamenti cui fu soggetta nel corso dei secoli: arabo/normanno è lo stile del transetto e della Torre Campanaria; gotico chiaramontano è lo stile della prima parte della chiesa, con le colonne ottagonali sormontate da archi; rinascimentale è il campanile; barocchi sono il presbiterio e la parte centrale.


Il soffitto della navata centrale, costituito da capriate e cassettoni dorati, è diviso in tre sezioni, relative ai rispettivi restauri.


Il transetto e il coro sono un ampliamento settecentesco: il coro ha una ricca decorazione di stucchi barocchi.


Il campanile del XV secolo, massiccio e incompiuto, è decorato da due file di false finestre in stile gotico/catalano, con un balcone ad arcate.

Recapiti e informazioni

Dove Siamo:

  • Via Duomo 112, 92100, Agrigento

Come arrivare:

  • In auto: chi arriva in auto trova un parcheggio nella piazza Don Minzoni
  • Con i mezzi pubblici: la società TUA

Contatti:

Aperture:

  • Da novembre a marzo: da martedì a domenica, 10.00-13.00 Da aprile a ottobre: da martedì a domenica, 10.00-13.30/15.30-19.00

Tariffe:

  • 3€ solo Cattedrale
  • 4€ cumulativo Torre campanaria e Museo Diocesano
  • 1€ cumulativo per gruppi Torre campanaria e Museo Diocesano

Altri Contatti:

Per saperne di più:

La Cattedrale sorge nel centro storico di Agrigento e costituisce il principale luogo di culto cattolico di Agrigento.

Annesso alla struttura si trova il coretto che custodisce l’urna con le reliquie di San Gerlando.

A disposizione totem informativo.

Gli animali non sono ammessi.

Condividi:

Lascia un commento