Abbandonata la sua sede in centro storico, il museo è stato riaperto nel 2006, rinnovato nei percorsi, nella didattica e nei contenuti, vicino all’Abbazia normanna di Santo Spirito.


L’architetto, Franco Minissi, è lo stesso del Paolo Orsi di Siracusa e alcuni elementi sono comuni alle due strutture, come la pianta poligonale e materiali come cemento, porfido, legni chiari, vetro e metallo, che esaltano l’antichità del contenuto.


Tra le più importanti dell’isola nel settore archeologico, la struttura ospita collezioni pregiate di reperti urbani ed extraurbani di Caltanissetta e di altri centri del territorio provinciale, dalla preistoria all’età tardo antica, e reperti di Capodarso, un sito che, pur ricadendo nella provincia di Enna, è legato a questa parte di territorio, poiché, insieme a Sabucina controllava la valle del fiume Salso.


Il percorso è in cinque settori, con supporti didattici in italiano e in inglese, e strumenti telematici interattivi.

Recapiti ed Informazioni

Dove Siamo:

  • Via Santo Spirito, 93100, Caltanissetta

Come arrivare:

  • In auto: per chi si sposta in auto, il parcheggio più vicino è quello ACI di via Medaglie d’oro
  • Con i mezzi pubblici: la fermata dell’autobus più vicina è quella di via Xiboli della linea 1 , azienda
  • SCAT, capolinea piazza Roma

Contatti:

Aperture:

  • Tutto l’anno da lunedì a domenica 9.00‐13.00/15.30‐19.00 (chiuso l’ultimo lunedì del mese)

Tariffe:

  • 4 € normale
  • 2 € ridotto

Altri Contatti:

Infopoint:

Relazione accessibilità:

Il museo illustra la storia degli antichi insediamenti del territorio urbano ed extraurbano di Caltanissetta, dalla preistoria all’età tardo antica.

La struttura si sviluppa su tre piani: il piano terra e piano interrato sono collegati da rampa lunga 25 metri con pendenza del 14% o ascensore (80x95x130) con pulsantiera interna in braille e rilievo e segnale acustico e visivo di arrivo al piano, mentre il secondo piano ammezzato è raggiungibile solo con scale.

Il parcheggio pubblico dista 50 metri dall’entrata principale, caratterizzata da porta a battente e raggiungibile con rampa in sampietrini con pendenza del 3%; le persone con disabilità motoria possono sostare temporaneamente davanti l’ingresso del museo per agevolare l’entrata.

Al piano terra si trovano la biglietteria/info point, con banco alto 87 cm, e la sala espositiva, dotata di sedute.

Al piano interrato si trovano la sala convegni (80 posti), la sala mostre con simulazione di scavi, la sala mostre temporanee ed il servizio igienico attrezzato, dotato di antibagno, Wc a pavimento con apertura anteriore alto 50 cm con possibilità di accosto frontale e laterale sinistro, doccetta e maniglione sinistro; lavabo sospeso.

Da segnalare la disponibilità di materiale informativo in braille che descrive il museo, riproduzioni di opere da poter toccare con didascalie in braille, totem audiovisivi e possibilità di organizzare visite guidate per ciechi in collaborazione con l’associazione ciechi di Caltanissetta.

Gli animali non sono ammessi.

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.