Formatosi nell’era geologica del Pleistocene, il lago è un’importante zona umida, un terreno dove si stabilisce un connubio speciale fra terra e acqua, sia dal punto di vista faunistico che di sviluppo della vegetazione; la conservazione e la protezione di queste aree e della loro importante
biodiversità è garantita dalla Convenzione internazionale di Ramsar per le zone umide, sottoscritta anche dall’Italia.


Circondato da leggende risalenti addirittura a Caius Solino, vissuto nella metà del III sec. d.C., nel Medioevo veniva sfruttato come salina, fino alla sua trasformazione in biviere intorno al 1582; nel 1615 iniziò la pesca concessa in gabella: il lago ricco di pesce e uccelli acquatici, attirò molti
cacciatori e amanti della pesca, tra cui il conte Camillo Benso di Cavour.


Negli anni ’70 il Consorzio per la Bonifica ne ha modificato i volumi idrici, per soddisfare i bisogni irrigui delle campagne.

Recapiti ed Informazioni

Dove Siamo:

  • SP51, Scoglitti, 93012, Gela

Come arrivare:

  • In auto: dalla SS115 proseguendo sulla SP51

Aperture:

  • visite guidate su richiesta

Per saperne di più:

  • Vai al sito ufficiale della Riserva
Condividi:

Lascia un commento